Valle di Kathmandu e Regno del Bhutan, Nepal

Prezzo di listino: € 4.590

€ 4.590/ a persona

23 maggio - 1 giugno '24

Dopo un soggiorno nell'affascinante Valle di Kathmandu voleremo nel Regno del Bhutan, il più impenetrabile tra i paesi himalayani che ha scelto di rifiutare il turismo di massa. Itinerario studiato con altitudini moderate. Un piccolo gruppo con nostra accompagnatrice di fiducia.
  • 10 giorni / 8 notti
  • Nepal
  • Di gruppo

Itinerario

Programma di viaggio:
L'Himalaya è la catena montuosa più alta di tutta la terra. Tra le sue vette e alle sue pendici si trovano popoli millenari che hanno che conservano patrimoni di usi, costumi, tradizioni, religioni e sapienza antiche. In questo viaggio visiteremo due aree: la Valle di Kathmandu e il Regno del Bhutan. Il Nepal è da tempo una destinazione frequentata anche se la bellezza delle sue città non è appieno valorizzata. Altro discorso vale per il Bhutan, inaccessibile, misterioso, indifferente all'omologazione, geloso della propria solitudine e...bellissimo. Pur essendo paesi montani le altitudini in cui ci troveremo non saranno proibitive: 1600 mt nella Valle di Kathmandu, 2300 circa in Bhutan. Ci saranno solo due picchi intorno a 3000 mt durante il percorso in Bhutan. Altro valore aggiunto di questo viaggio sarà la lingua italiana. In Bhutan non ci sono guide parlanti la nostra lingua e quindi, se raggiungeremo il numero minimo di 8 partecipanti, ci sarò un accompagnatore dall'Italia (la Sig.ra Rosa Valcarenghi); per un numero inferiore invieremo dall'India una guida interprete.  

Programma di Viaggio:

1° giorno – 23 maggio : Roma / Kathmandu
Partenza in aereo per Kathmandu (via Doha).
Arrivo e trasferimento in hotel.
Pernottamento.

2° giorno – 24 maggio : Kathmandu e Patan
Prima colazione in hotel.
La mattina sarà dedicata alla visita del centro di Kathmandu. Prima tappa è Durbar Square, cuore storico della città e poi il Palazzo Reale, il palazzo della Kumari, la ''dea bambina'', i templi intarsiati, la statua del dio Hanuman. Nel pomeriggio visita escursione a Patan il cui centro è caratterizzato da antichi templi, palazzi e cortili. Ammireremo capolavori architettonici come il Tempio di Krishna Mandir, il Tempio di Taleju e il Palazzo del Re di Patan.
Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

3° giorno – 25 maggio : Kathmandu / Pashupatinath / Bodnath / Bhaktapur /  Kathmandu
La prima metà della giornata sarà il Pashupatinath Temple, uno dei luoghi più sacri per gli induisti di tutto il mondo. Qui, sarà facile vedere le cerimonie religiose lungo le rive del fiume Bagmati e potremo ammirare l'architettura impressionante del tempio.
Andremo poi  verso la Bouddhanath Stupa, un'icona buddista immensa e imponente. Camminando intorno alla base della stupa, si respira l'aria carica di devozione mentre i monaci officiano le loro preghiere. La tappa successiva sarà Bhaktapur e la sua Durbar Square. Si passeggerà circondati dalla bellezza dell'architettura newari, tra templi antichi e palazzi ornati che trasportano indietro nel tempo.
Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno – 26 maggio : Kathmandu / Paro (Buthan) / Thimpu (Km 55 – 1/1h30)
Il volo per Paro è uno dei più spettacolari dell'intero Himalaya. Volando lungo la catena dell'Himalaya da Kathmandu il viaggio offre panorami affascinanti e un'emozionante discesa nel Regno. Il primo regalo che vi farà il Bhutan quando scenderete dall'aereo sarà l'aria fresca e pulita delle montagne. Dopo le formalità di immigrazione e il ritiro dei bagagli, sarete accolti dal nostro rappresentante con un "tashi khaddar" (sciarpa bianca offerta all'ospite, che è un modo di buon auspicio per dare il benvenuto all'ospite), quindi partenza verso Thimphu, la capitale del Bhutan. La strada attraversa la valle di Paro fino alla confluenza dei fiumi Paro e Thimphu a Chuzom (confluenza). Poco prima di raggiungere Chuzom, vedrete sulla sinistra Tachog Lhakhang, il tempio costruito da Thangtong Gyalpo, un ingegnere pioniere che introdusse la costruzione di ponti sospesi in Bhutan e in Tibet (molti dei quali sono ancora in uso oggi). L'attuale ponte per Tamchog Lhakhang è stato restaurato nel 2005 in stile tradizionale con catene di ferro e attraversarlo è un'esperienza meravigliosa. (circa 50 minuti, andata e ritorno). All'arrivo a Thimphu check-in in hotel. Capitale del Bhutan e centro del governo, della religione e del commercio, Thimphu è una città unica, con un'insolita miscela di sviluppo moderno e tradizioni antiche. È forse ancora l'unica capitale al mondo senza semafori. Nel tardo pomeriggio visitate il National Memorial Chorten, una grande struttura bianca coronata da una guglia dorata. Si trova vicino al centro della città di Thimphu ed è uno dei suoi monumenti più iconici. È il luogo ideale per interagire con la gente del posto che si accalca in gran numero per circumambulare il chorten, far girare le grandi ruote di preghiera rosse e pregare in un piccolo santuario all'interno del cancello. I dipinti e le statue all'interno del monumento offrono una visione approfondita della filosofia buddista.  In seguito, passeggiata esplorativa nella via principale di Thimphu e nella zona del mercato. Pernottamento in hotel a Thimphu (altitudine 2.320 m).

6° giorno – 27 maggio : Thimpu

Al mattino, dopo la prima colazione, si parte per un breve viaggio in auto verso il nord della città per raggiungere il Buddha Dordenma, situato in cima a una collina nel Parco Naturale di Kuenselphodrang. La statua realizza un'antica profezia risalente all'VIII secolo d.C., scoperta da Terton Pema Lingpa (scopritore di tesori religiosi) e si dice che emani un'aura di pace e felicità per il mondo intero. Questa imponente statua di Shakyamuni, realizzata in bronzo e dorata in oro, misura 51,5 metri di altezza ed è una delle statue più grandi del Bhutan. 125.000 piccole statue di Buddha sono state collocate all'interno della statua di Buddha Dordenma, ognuna delle quali è stata fusa in bronzo e dorata. Al Buddha Point è possibile praticare la meditazione in un'area apposita. Il Museo Postale è noto per i suoi innovativi francobolli e mostra i progressi dei servizi postali e, in parte, del sistema di comunicazione in Bhutan e i rari e unici francobolli emessi dal Paese nel corso degli anni. Visitate anche l'ufficio postale situato accanto per farvi fare dei francobolli personalizzati e per acquistare vari souvenir.
In seguito, si raggiunge il Museo del Tessuto. Con l'apertura del Museo del Tessuto, sotto il patrocinio di Sua Maestà la Regina Ashi Sangay Choden, il tessile bhutanese ha raggiunto nuovi livelli come una delle forme d'arte distinte più visibili. Il museo tessile ha aperto le sue esposizioni su sei temi principali: le tessiture con motivi di ordito, le tessiture con motivi di trama, il ruolo dei tessuti nella religione, le conquiste delle arti tessili, i tessuti con fibre indigene e la collezione reale. Dopo pranzo, per conoscere l'artigianato tradizionale del Bhutan, visitate il National Institute for Zorig Chusum, fondato nel 1971, il principale istituto per la conservazione e la promozione di tredici arti e mestieri tradizionali del Bhutan. Comunemente noto come Scuola di Arti e Mestieri o Scuola di Pittura, l'Istituto offre corsi di 4-6 anni in 13 arti e mestieri tradizionali del Bhutan. Segue la visita al Folk Heritage Museum, dedicato a mettere in contatto le persone con il passato rurale bhutanese attraverso mostre, dimostrazioni, programmi educativi e documentazione della vita rurale. Esplorate poi il Centenary Farmers Market. Conosciuto anche come Weekend market, questo vivace e colorato centro di mercato è il più grande dove gli agricoltori provenienti da diverse parti del Paese si riuniscono per vendere i loro prodotti agricoli. Con il suo vasto assortimento di prodotti, tra cui l'artigianato, e la sua ambientazione pittoresca e colorata, il Farmer's Market è uno dei luoghi preferiti da molti. Concludete la giornata con la visita a ''Trashichhoedzong, "fortezza della gloriosa religione". È il centro del governo e della religione, sede della sala del trono del monarca e del Je Khenpo o abate capo. Costruita nel 1641 dall'unificatore politico e religioso del Bhutan, Zhabdrung Ngawang Namgyal, è stata ricostruita negli anni Sessanta secondo il metodo tradizionale bhutanese, senza chiodi né piani architettonici.
Prima di rientrare in hotel, farete una piacevole passeggiata fino al Bazar dell'artigianato locale. Questo mercato offre autentiche arti e mestieri bhutanesi, contribuendo così alla promozione, alla protezione e alla conservazione delle arti tradizionali.
Pernottamento in hotel a Thimphu (altitudine 2.320m).

7° giorno – 28 maggio: Thimpu / Punakha (Km 75 – 2/3 ore)
Dopo la prima colazione salite al passo di Dochu-la (3.088 m) e fate una breve sosta per ammirare il chorten e le bandiere di preghiera che decorano il punto più alto della strada. Se il cielo è limpido, da questo passo si possono vedere le seguenti cime (da sinistra a destra): Masagang (7.158 m), Tsendagang (6.960 m), Terigang (7.060 m), Jejegangphugang (7.158 m), Kangphugang (7.170 m), Zongphugang (7.060 m), una Table Mountain che domina l'isolata regione di Lunana - infine Gangkar puensum, la vetta più alta del Bhutan con i suoi 7.570 metri. Al Passo Dochula, 108 chorten o stupa conosciuti come Druk Wangyal  Chortens sono stati costruiti da Ashi Dorji Wangmo Wangchuk, la regina madre più anziana. Questi chorten sono costruiti in tre strati, il primo strato più basso ha quarantacinque chorten, il secondo ne ha trentasei e lo strato superiore ne ha ventisette, costruiti intorno al chorten principale. Si prosegue poi per Punakha.
Punakha è stata la capitale del Bhutan e sede del governo fino al 1955 e tuttora è la sede invernale di Je Khenpo (l'abate capo). Grazie al clima temperato e al drenaggio naturale dei fiumi Pho Chhu (maschio) e Mo Chhu (femmina), la fertile valle di Punakha produce abbondanti colture e frutti. Situata a un'altitudine di 1300 metri sul livello del mare, Punakha gode di inverni miti ed è una destinazione popolare tutto l'anno.
Dopo pranzo, visita al Punakha Dzong o "Palazzo della Grande Felicità", costruito alla confluenza dei fiumi Phochu e Mochu nel 1637 da Shabdrung Ngawang Namgyal. Questo maestoso dzong è stato in passato il centro religioso e amministrativo del Bhutan. Misura circa 600 metri per 240 e ha una torre a sei piani con cupola dorata. All'interno si trovano cortili e statue religiose che lasciano intendere la profondità della storia e delle tradizioni spirituali che vi sono racchiuse. La vostra guida vi illuminerà sulla comprensione di questa intricata cultura che per noi è esotica, anche se da tempo consolidata.
Poi una breve escursione al Chimi Lhakhang.
Il Chimi Lhakhang, situato su una collinetta al centro della valle, è conosciuto anche come il tempio della fertilità. È opinione diffusa che le coppie che non hanno figli e ne desiderano uno, se pregano in questo tempio, di solito vengono benedette con un bambino molto presto. Il sentiero attraversa i campi di riso fino al piccolo insediamento di Pana, che significa "campo". Una passeggiata nel villaggio vicino al tempio vi permetterà di conoscere la vita quotidiana e lo stile di vita degli abitanti del villaggio.
La sera fate una passeggiata nella città di Punakha e nei suoi dintorni.
Pernottamento in hotel a Punakha (1.300 m di altitudine).

8° giorno – 29 maggio : Punakha / Paro Km 125 – 4/4h30
Dopo colazione, visita il Wangduephodrang Dzong. Fondato da Zhabdrung Ngawang Namgyal nel 1638, sulla cima di un'alta cresta tra i fiumi Punak Tsang Chhu e Dang Chhu, offre una vista fantastica sulla valle sottostante. Il Wangdue Dzong occupa un posto speciale nella storia del Bhutan. La posizione strategica del dzong ha fornito al Penlop (Governatore) di Wangduephodrang l'opportunità di proteggere le rotte verso Trongsa, Punakha, Dagana e Thimphu, rendendolo il terzo sovrano più potente dopo i Governatori di Paro e Trongsa. Il Dzong è stato danneggiato da un incendio nel 2012 ed è stato recentemente (nel 2022) restaurato al suo originale splendore e grandezza. Proseguimento verso Paro lungo l'autostrada panoramica. La bellissima valle di Paro racchiude in sé una cultura ricca, bellezze del paesaggio e centinaia di miti e leggende. È la casa di molti dei più antichi templi e monasteri del Bhutan, del Museo Nazionale e dell'unico aeroporto internazionale del paese. Il Monte Chomolhari (7.314m) regna in bianca gloria all'estremità nord della valle e le sue acque glaciali si precipitano attraverso profonde gole per formare il Pa Chhu (Fiume Paro). Paro è anche una delle valli più fertili del Regno, che produce gran parte del famoso riso rosso locale dai suoi campi terrazzati. Dopo pranzo, si procede alla visita del Ta Dzong, originariamente costruito come torre di guardia, che ora ospita il Museo Nazionale. L'ampia collezione include antichi dipinti thangkha, tessuti, armi e armature, oggetti domestici e un ricco assortimento di artefatti naturali e storici. La visita al Ta Dzong è immediatamente seguita da una breve passeggiata lungo il sentiero per visitare il Rinpung Dzong (Paro Dzong), che significa ("fortezza del mucchio di gioielli"), che ha una lunga e affascinante storia. Lungo le gallerie di legno che si affacciano sul cortile interno si trovano bellissime pitture murali che illustrano le storie buddiste come i quattro amici, il vecchio della lunga vita, la ruota della vita, scene dalla vita di Milarepa, il Monte Sumeru e il Mandala cosmico.
Pernottamento in hotel a Paro. (Altitudine 2.280m)

10° giorno – 30 maggio: Paro
Dopo la prima colazione, partenza per un'affascinante escursione al Monastero di Taktshang o Nido della Tigre (circa 5 ore di cammino andata e ritorno).  Si tratta di uno dei monasteri più famosi del Bhutan, arroccato sul fianco di una scogliera a 900 metri sopra il fondovalle di Paro. Le leggende narrano che Guru Rinpoche arrivò qui sul dorso di una tigre e meditò in questo monastero, che per questo è chiamato "Nido della Tigre". Questo sito è stato riconosciuto come luogo sacro e visitato da Zhabdrung Ngawang Namgyal nel 1646 e oggi è visitato da tutti i bhutanesi almeno una volta nella vita.  Nel tardo pomeriggio visiteremo anche una tipica fattoria. Le case coloniche bhutanesi sono molto colorate, decorative e tradizionalmente costruite senza l'uso di un solo chiodo. La maggior parte della popolazione del Bhutan continua a vivere come ha fatto per secoli: in piccole fattorie e frazioni isolate, circondate da campi terrazzati di riso, mais e grano saraceno.
Durante il tragitto verso la città di Paro, fermata al Kyichu Lhakhang del VII secolo, uno dei 108 templi costruiti sull'Himalaya dal re tibetano Songtsen Gampo. La costruzione di questo tempio segna l'introduzione del buddismo in Bhutan.
Pernottamento in hotel a Paro (altitudine 2.280 m).

11 giorno – 31 maggio: Paro / Kathmandu

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza in aereo per Kathmandu.
Tempo libero per visitare individualmente la città di Kathmandu e le centinaia di sue piccole botteghe.
Pernottamento.

12° giorno- 1 giugno Kathmandu / Roma (via Doha)
Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e partenza in aereo


Voli internazionali considerati:
-    23 maggio Roma Fiumicino / Doha        QR 116    09.40/16.05
-    23 maggio Doha / Kathmandu                QR 644    17.35/01.00
-    01 giugno  Kathmandu / Doha                QR 653    11.50/14.05
-    01 giugno  Doha / Roma Fiumicino        QR 113    16.05/20.55    


Hotel previsto (o pari categoria)

Città/notti              Date                           Hotel
Kathmandu/3        Maggio 23/ 26               Dusit Princess
Thimpu/2              Maggio 26/28                 City Hotel
Punakha/1            Maggio 28/29                Dragon Nest Hotel
Paro/2                  Maggio 29/31                  Paro Eco Lodge
Kathmandu/1        Maggio 31/ Giugno 01    Dusit Princess


Note:
-    In Bhutan i pasti sono semplici e salutari. Nell'agricoltura locale è vietato ogni tipo di additivo chimico
-    Le strade sono ben tenute ma il percorso, spesso tra le montagne, contringe a una velocità moderata
-    I Monasteri possono essere chiusi a discrezione delle autorità religiose locali


Condizioni di viaggio

Quote di partecipazione per persona


In camera doppia                 Eur  4.590,00
Supplemento singola            Eur     500,00
Tasse aeroportuali                Eur     290,00
Assicurazione MBA               Eur     174,00 (se inferiore a 75 anni)
Assicurazione MBA               Eur     349,00 (se uguale o superiore 75 anni)


LA QUOTA COMPRENDE:
- Voli internazionali dall'Italia con Qatar Airways in classe economy
- Guida interprete in italiano in Nepal e in Bhutan oppure ACCOMPAGNATORE ITALIANO se minimo 8 partecipanti
- A Kathmandu sistemazione in hotel 5 stelle
- In Nepal trattamento di mezza pensione
- In Bhutan trattamento di pensione completa
- Volo Kathmandu  - Paro e Paro -  Kathmandu
- Sistemazione in camera doppia / matrimoniale
- Trasporto mezzo privato con aria condizionata
- Ingresso ai monasteri e i siti di interesse
- Tutte le tasse
- In Bhutan sistemazione in hotel standard, approvati dal Dipartimento del Turismo del Governo Reale del Bhutan.
- Tutti i trasferimenti e le visite turistiche come da itinerario
- Ingressi + Tassa per il visto del Bhutan (@ US$ 40)
- assicurazione medico-bagaglio standard
…..

LA QUOTA NON COMPRENDE:
-    Tasse aeroportuali
-    Visto ingresso in Nepal
-    Un pasto al giorno in Nepal
-    Bevande, mance, spese personali
-    Assicurazioni integrative


PER PRENOTARE
- acconto del 30% alla prenotazione
- saldo 30 giorni prima della partenza

PENALI INCASO CANCELLAZIONE:
- 30% fino a 30 giorni lavorativi dalla partenza
- 50% da 29 al 17 giorni lavorativi dalla partenza
- 75% dal 14 al 7 giorni lavorativi dalla partenza
- 100% a meno di 7 giorni dalla partenza

Altre proposte

Alcune iniziative di itenerari di viaggi culturali in programmazione